Musica che ci piace, musica che ci identifica

“Questo pezzo è troppo commerciale”. “Questa è musica fatta per le radio…”. Quante volte una canzone ha diviso i nostri punti di vista e creato dibattiti accesi, non tanto su aspetti strettamente musicali, quanto sulla collocazione di un certo stile musicale nel nostro sistema di valori culturali/morali/…?

E’ soltanto una questione psicologica e di affermazione della personalità quella che ci spinge a creare distinguo ed esplicitare i nostri gusti? E’ un fenomeno extramusicale oppure i “gusti” sono legati anche a un certo modo di ascoltare/percepire/giudicare un brano musicale?

Qui un pezzo dal blog di NPR molto divertente e interessante proprio sull’argomento. Ad ispirare la discussione Somebody That I Used To Know nell’interpretazione di Gotye.

Durante quest’inverno, nelle interviste ad alcuni artisti di NLM, l’argomento “musica buona/musica cattiva”, “musica commerciale/musica artistica” ecc. è ovviamente stato affrontato: i video di Nada e Enrco Peranunzi e le loro opinioni…

Non è possibile visualizzare il video. Riprova più tardi

Non è possibile visualizzare il video. Riprova più tardi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


1 + tre =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>